Il primo giorno di scuola, che emozione!

E’ arrivato il momento della ripresa scolastica, un cammino ricco di emozioni diverse per i bambini: gioia, speranza, ma anche ansia e paura per ciò che li attenderà. Queste emozioni possono essere legate alla personalità, al modo di essere, ma anche al significato che la scuola, come “luogo”, acquisisce.

Il primo giorno di scuola è un momento atteso ed emozionante anche per i genitori e per gli insegnanti: questi si trovano a vivere emozioni e motivazioni diverse, che possono avere risvolti sia positivi sia negativi. Risulta importante che i genitori e gli insegnanti sappiano decifrare che cosa provano perché saranno proprio loro, i genitori a casa e gli insegnanti in classe, a guidare i bambini nel comprendere i propri vissuti emotivi. E’ importante avere chiaro il proprio vissuto emotivo in modo da non confonderlo con quello del bambino: occorre quindi promuovere il dialogo con i propri figli affinché possano esprimere le loro aspettative, l’entusiasmo o il timore nei confronti della nuova esperienza che andranno a vivere. Vi sono alcuni piccoli accorgimenti utili da tenere: per i bimbi più piccoli è necessario spiegare il più serenamente possibile cosa è la scuola e cosa lo aspetterà, mostrandogli, anche concretamente di cosa si tratta (ad esempio, si potrebbe portare il bambino a visitare la nuova scuola, oppure organizzare incontri con i nuovi compagni per favorire la socializzazione).Con i bambini un po’ più grandi, che sanno già cosa significa affrontare un anno scolastico, è bene condividere i loro pensieri e le loro emozioni, cogliendo opportunità di dialogo, quali l’acquisto del materiale scolastico da effettuarsi insieme.

L’ansia nell’affrontare questo percorso può manifestarsi attraverso alcuni comportamenti specifici: difficoltà nel dormire, incubi e disturbi comportamentali di vario genere; i più piccoli possono diventare irrequieti e chiedere continuamente attenzione da parte dei genitori. Questi problemi possono scomparire nel giro di pochi giorni oppure perdurare più a lungo: nel caso proseguano è preferibile parlarne con gli insegnanti e consultare un esperto.

Ecco alcuni consigli per riprendere al meglio il nuovo anno scolastico:

  1. Aiutiamo i nostri figli a ripristinare un ritmo sonno/veglia adeguato ai ritmi scolastici.
  2. Riprendere una corretta alimentazione: colazione abbondante e merenda di metà mattina leggera.
  3. Manteniamo buoni rapporti con la scuola e con gli insegnanti pensando alla scuola come una risorsa… fidiamoci di loro e affidiamogli i nostri figli.
  4. Informiamoci su cambiamenti e orari riguardanti la scuola con un po’ di anticipo, in modo da poterli comunicare adeguatamente al bambino per trasmettergli una certa prevedibilità.
  5. Adottiamo un atteggiamento che infonda entusiasmo nell’affrontare la ripresa, sottolineando la gioia nel ritrovare i compagni, le maestre e le varie attività che la scuola offre.
  6. Il primo giorno è importante svegliarsi con un congruo anticipo per non rischiare di fare tutto frettolosamente e quindi arrivare a scuola con l’ emozione del primo giorno e l’ansia di non “essere pronti”.
  7. Ascoltiamoli e lasciamo che ci raccontino come si sentono e cosa hanno vissuto, in seguito comunichiamo loro come ci sentiamo nel guardarli crescere. Proviamo a chiedere “come ti sei sentito oggi?” e non “come è andata?”
  8. Soprattutto il primo giorno è bene accompagnare i figli a scuola lasciando scegliere, ai più grandicelli, se questo è di loro gradimento, perché potrebbero aver voglia di dimostrarsi autonomi di fronte ai compagni.

Un buon inizio scolastico a tutti i bambini, genitori ed insegnanti!

Share the Post:

Related Posts

Una maestra ai suoi alunni Certi legami vanno al di là di un semplice orario scolastico. Essere insegnante, per quanto

Read More